“Martedì 19 Novembre, piogge di forte intensità su Cirò Marina, circa 215 mm  stimati dall’ arpacal, hanno reso le vie della città fiumi con portata mai vista”

 

Lunedì sera eravamo in sede ad allestire per l’inaugurazione prevista per domenica 24, ma strani tuoni e fulmini ci lasciavano perplessi sulle condizioni meteo che stavano per crearsi. Ci siamo salutati in tarda serata come sempre, con appuntamenti al giorno dopo. Alle 3.00, ormai martedì, un tuono che si poteva definire “sismico” ha dato il via ad una pioggia forte ed incessante. Alle 8.00 il ritmo incessante e la portata mai discontinua facevano da primi campanelli di un allarme mai arrivato dall’alto. A quel punto in maniera perentoria si è deciso di pubblicare un avviso di allerta nel forum dei soci e sulla pagina ufficiale proprio per avvisare quante più persone riguardo alle aree già critiche a quell’ora.

Mentre alle 10.00 ancora la Pro Civ continuava a dichiarare un’allerta 1 (grado più basso della scala) le immagini di strade mai allagate erano queste:

Alle 11.00 secondo punto della situazione con i ragazzi del team sfruttando chi internet chi il telefono con difficoltà immense per via dei blackout, siamo riusciti ad integrare poi altre vie alle aree di alto rischio comunicate da noi sui nostri canali web.

Alle 11.30 circa, dopo otto ore di pioggia forte e incessante il tutto inizia a tranquillizzarsi, ma le strade sono dei fiumi in piena. Nel rione tra via Libertà e via cesare Battisti si registra oltre il metro d’acqua e l’impegno dei mezzi anfibi dei Vigili del Fuoco si è reso necessario fin da subito. I soccorsi sono proseguiti tutto il pomeriggio, e la sera sono state inviate da Cosenza delle grosse idrovore per svuotare aree di interesse come il comune, l’asl con il pronto soccorso ed il sotto-passo della stazione dove abbiamo supportato i vigli del fuoco.

Nella tarda serata di Martedì ricevo dal Presidente del “Hellas Cirò Marina” Calcio a 5, l’invito a creare un team di volontari per dare un primo immediato supporto ai quartieri critici della cittadina; l’indomani, tre membri del team sono andati in comune a prendere direttive sul da farsi: Messa in sicurezza delle griglie di scolo di via libertà, supporto alle famiglie dei palazzi popolari della stessa via e riordino di quel poco d’arredo urbano non devastato dalle acque. Successivamente abbiamo dato una ripulita con altri volontari in via Cesare Battisti e con la Misericordia si è proceduto a liberare l’accesso della stazione dal fango. Alle 12.00 chiamata d’urgenza, via verso il “Villaggio Solito Posto” ad aprire un varco o comunque creare una via di comunicazione con chi poteva esser rimasto isolato per ormai 24 ore.

Dopo circa tre ore di lavoro di una ruspa, la Tri.Mo.Ter. che ci ha supportato in tutto e per tutto, abbiamo creato una via d’accesso per arrivare al villaggio. Il resto ve lo diranno le immagini del video qui in basso.

Un grazie a tutti i ragazzi che hanno cooperato a far fronte a questa vera emergenza.

immagini del 19 Novembre.